venerdì 3 luglio 2020

Ci vuole un dolcetto.

Giornata ventosa, nuvole minacciose in cielo. Oggi si può usare il forno. Intanto che si cucina il pane, preparo delle brioche. Ho visto un video su YouTube che mi ha stuzzicato l'appetito. Sono sempre fedele al mio lievito madre che mi è risultato particolarmente utile nel lokdown, ma questa volta ho provato il lievito di birra. Più veloce sicuramente. Non si sente il gusto una volta cotto.
Vi mostro le foto e poi passiamo alla ricetta.

Qui pronte per essere infornate. 

Appena tolte dal forno. Un profumino!!! 


La sfogliatura interna. 
Risultano morbide morbide. Sono facili da fare. Provatele. 

Gli ingredienti necessari :

2 uova (separate i tuorli dagli albumi)
200 ml acqua tiepida
200 ml latte tiepido
125 ml olio di semi
125 gr di burro molto morbido
800 gr di farina 00
1 cubetto di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di sale fino
3 cucchiai da minestra di zucchero semolato.

Procedimento:
In ciotola o planetaria mettere:acqua, latte, sale, zucchero, albumi, olio e lievito sbriciolato. Mescolare bene in modo che tutto il lievito si sciolga. Un po' alla volta inserire la farina e lavorare l'impasto fino ad ottenere una palla elastica che si stacca dalle pareti del contenitore. Far lievitare per 1 ora circa. Dipende dalla temperatura ambiente. Deve raddoppiare di volume.
Ungere il piano di lavoro e le mani con olio, stendere l'impasto allargando fino ad ottenere un rettangolo alto circa 1 cm. Imburrare con le mani tutta la superficie, usando poco più di metà quantità di burro. Se questo è ben morbido non avrete difficoltà. Piegare 1/3 del rettangolo dalla parte della lunghezza, ungere e ripiegarlo a sua volta sulla terza parte. Si otterrà un rettangolo più stretto. Ungere ancora e piegare a 1/2 dalla parte della larghezza. Picchettare sulla pasta in modo da stenderla un pochino. Tagliare delle strisce larghe circa 2 o 3 cm, piegare a 1/2, arrotolarle e formare una ciambella. Vi verranno 9 o 10 pezzi. Sbattete i tuorli con un pochino di latte, spennellate le ciambelline. Non necessitano di ulteriore lievitazione. In forno statico a 190 gradi (preriscaldato) per 15 minuti. Una volta sfornate spennellate con un po' di burro.

Questo è il link del video : Cuisine et Patisserie
Vi aiuterà a capire meglio i passaggi. È in francese.
Io ho modificato leggermente la ricetta in base al gusto e al mio forno. Nei commenti potrete constatare che non sono stata l'unica a farlo.

Il risultato è stato un successone. Ho congelato un paio di ciambelline (già cotte). Voglio vedere come risulteranno una volta rinvenute.
Fatemi sapere cosa ne pensate, anche se provate a farle.
Un abbraccio.    Ros

sabato 20 giugno 2020

Fase 2

Piano piano ci stiamo riappropriando dei  nostri vecchi spazi, delle vecchie abitudini. La fase 2 è iniziata da tempo, ma vedo ancora molta paura intorno.  In contrapposizione c'è chi se n'è sempre fregato e gli è andata bene.
Comunque abbiamo ancora bisogno di presidi e disinfettanti per girare tranquilli. Spero tra poco non servano più, ma ho fatto ancora delle mascherine in stoffa. Anche per bimbi.


 Queste due dubleface.


Queste tre per i nipoti. 

Voi come state? Siete scampati al covid? Vedrete che l'estate ci porterà la spensieratezza di sempre. Bisogna essere positivi. Sempre. 
Alla prossima!    Ros


giovedì 4 giugno 2020

Torta fredda con cherry pie filling.

Inizia il caldo ed a casa impazzano le torte senza cottura.
Girando per il web, su YouTube ho scoperto un giovane cuoco che posta ricette, ricettine spiegandole con una tranquillità estrema. Si chiama DAVIDE ZAMBELLI, ha 21 anni e vive in Trentino.
Sono incappata nella sua torta con yogurt. Semplice, veloce, buona buona. Il passaggio più lungo è stata la raccolta di ciliegie dal nostro albero.
Hanno contribuito tutti nella realizzazione di questa delizia..... 
Il più piccolo è quello che ha lavorato di più perché vuole fare tutto lui. 

Mattia ha snocciolato le ciliegie e mi ha aiutato a fare il cherry pie filling di copertura. 
Ecco la torta terminata. Inutile dire che è già finita! 

La torta è fatta di yogurt naturale e panna. La base con biscotti secchi e burro. Perciò si presta a mille varianti. È leggera rispetto alla classica cheesecake, goduriosa pure quella!
Se cliccate sul nome in alto di Davide andate direttamente alla ricetta su YouTube.
Qui , invece, vi porto nel suo blog.
Una chicca....... Vedrete che tutte le sue ricette portano a lato una finestrella dove potete modificare gli ingredienti in base al numero di persone. Va tutto in automatico e perderete meno tempo. Una figata! Non l'avevo mai visto prima.
Quindi non vi resta che provare.
Buon lavoro e buon appetito!!!!         Ros

lunedì 20 aprile 2020

Tanti auguri a me!!!!


In questo periodo surreale, dove il tempo sembra sospeso, i giorni invece continuano a trascorrere. Nonostante tutto la natura continua a sbocciare, gli uccellini cinguettano e volano nel cielo, noi continuiamo la nostra vita, se pur limitata, ed infine arrivano anche i compleanni. Ed oggi è arrivato il mio. Di nuovo. Inesorabile. 
Non sono pochi gli anni che compio. 


Da bimba paffuttella sono arrivata ora ad essere nonna di tre bellissimi maschietti. Non li vedo da più di due mesi e mi mancano tanto nonostante siano piuttosto irruenti. 
Oggi ho ricevuto i loro auguri in videochiamata. 
Auguri virtuali e fette di torta altrettanto poco tangibili e mangiabili. 


Secondo voi, potevo non farmi una torta? 
Potete servirvi, non fa ingrassare! 
Vuol dire che mi sacrifichero'per voi..... 
Un abbraccio a coloro che passeranno per un saluto.    Ros


sabato 11 aprile 2020

Santa Pasqua 2020

E siamo a Pasqua.  Nonostante le restrizioni dovute al Covid19 la vita continua. Si rimane a casa ma le festività vanno comunque festeggiate, nei limiti del possibile, certo.
 Mai come quest'anno giornate soleggiate e temperature quasi estive.
Quest'anno mi sono nuovamente cimentata nel produrre in casa la colomba pasquale. L'avevo fatta alcuni anni fa usando il lievito di birra, ma non mi aveva soddisfatto, perciò avevo abbandonato l'idea. Ora che ho tempo l'ho rifatta usando la mia fidata pasta madre. Il procedimento prevede due giorni di lavoro, ma il più è dovuto al lungo tempo di lievitazione. Io ho iniziato giovedì mattina con i rinfreschi ravvicinati del lievito madre, la sera ho preparato il primo impasto che poi ho fatto lievitare tutta la notte nel forno spento. Venerdì mattina ho continuato la lavorazione ed alle ore 12 l'impasto era nella sua bella forma, pronta per l'ultima lievitazione.


Dall'impasto totale mi è avanzato un pezzettino che ho messo in uno stampo da plumcake. Questi hanno lievitato per un totale di 18 ore.
Quindi, questa mattina alle ore 6 ho acceso il forno, glassato la colomba ed infornato.




Dopo 45 minuti la casa profumava come un forno di pasticceria! Ecco qua il risultato.


Ora sta riposando. Domani, santa Pasqua, il taglio. 

Ho seguito la ricetta ed i consigli di Stefano Barbato in un video su YouTube. Ve lo consiglio se decidete di cimentarvi. Molto dettagliato e di facile comprensione. Lo trovate Qui

Foto dal web. 


Concludo augurando a tutti una serena Santa Pasqua. Rimanete a casa. La cosa più importate è la salute. Il resto viene dopo. 
Un abbraccio contactless.       Ros

sabato 21 marzo 2020

#iorestoacasa.

Sono già tre settimane di isolamento. Ogni settimana con regole sempre più restrittive. Ma mi adeguo.  Bisogna farlo. Per noi e per gli altri.
La primavera è arrivata, puntualmente. Ma quest'anno non la vivo con lo spirito spensierato di sempre. C'è tanta tristezza nell'aria......




In giardino la magnolia è fiorita. Una visione meravigliosa che si rinnova annualmente. Ogni volta mi emoziona e non finirei mai di fotografarla. 
Qui l'ho fotografata al tramonto. Luce radente, calda.








Contemporaneamente sono sbocciate le viole, i muscari, i narcisi, i giacinti ed ora stanno spuntando i tulipani. Colori e profumi che scaldano il cuore.

Ma oltre allo spirito, scaldiamo anche la pancia. Oggi ho fatto i savoiardi, una ricetta del grande Knam. Io li ho successivamente accoppiati con una crema spalmabile alla nocciola.


Veramente gustosi! 



Se vi ho stuzzicato, vi lascio alla lettura della ricetta. Ripresa da questo libro di Knam.
Alla prossima. Un salutone a tutti. E rimanete in casa a cucinare. Tanto mi sa che la prova costume quest'anno salta.....  Ciao ciao.  Ros

venerdì 13 marzo 2020

Emergenza Covid-19

Se ne parla anche troppo, ma consentitemi uno sfogo.
Avendo una persona disabile in famiglia, sono soggetta più di altri ad una burocrazia complicata. Ogni anno si devono rinnovare tutte le richieste per ausili e presidi per la persona in questione.  Questo comporta : andare dal curante, fare la fila perché deve essere lui a compilare l'impegnativa con le cose da richiedere. Successivamente bisogna recarsi al proprio distretto ASL per il rinnovo. Ho giocato di anticipo, vista la situazione attuale,  e mi hanno dato appuntamento per questa mattina alle ore 8,30.  Espletato il  tutto molto serenamente, con i dovuti accorgimenti, ho approfittato dell'uscita per andare in posta a pagare due bollette. (Siccome non sappiamo ancora se lo stato permetterà il blocco dei pagamenti.) Fatti entrare uno alla volta(gli addetti sono dietro ad un vetro!), consegno le bollette e mi sento dire dalla "signora" delle poste (con tono molto irritato!) che questa non è un'emergenza per uscire di casa. Rimango perplessa e mi sento in obbligo di giustificarmi spiegando che ero già in giro da un'ora per recarmi al distretto con appuntamento e autocertificazione al seguito in caso di controllo da parte delle forze dell'ordine. Mi ribatte seccata che "tanto dicono tutti così"!  Ho preso le bollette pagate e me ne sono andata senza ribattere, tanto non mi avrebbe ascoltata.... Ma, dico io, le poste sono preposte per questi servizi, no? Se il pagamento di bollettini non sono emergenza, perché non li chiudono e festa finita? Così evitiamo spiacevoli situazioni.
Ho terminato la mia uscita con la spesa alimentare, così posso rimanere a casa tranquilla per vari giorni. Anche lì, tutti in fila, si entra uno alla volta rispettando le distanze, con mascherina( non si sa mai...). Nessun problema. Tutti rassegnati ed educati.
Visto la carestia di mascherine, mi sono fatta alcune in casa. Adoro il fai da te! Eccole qua:


Queste due in stoffa. 3 strati. 

Questa con fogli di carta scottex. 2 strati. 

In ultimo una con il fazzolettino da naso. Come si nota è molto più piccolo, più adatto ai bimbi.. 
Trovate vari tutorial su YouTube. 
Io ho preso spunto da Qui e Qui
Per finire e completare il tutto, ho fatto anche lo spray gel disinfettante mani. È facile ed economico. 


Ecco come prepararlo. Vi occorreranno i seguenti ingredienti, facilmente reperibili in supermercato e farmacia:

135 grammi di alcool buongusto 96%
8 grammi di acqua ossigenata al 3%
4 grammi di glicerina
22 grammi di acqua distillata( o bollita). 

Per praticità vi ho messo gli ingredienti espressi in grammi, facili da pesare. 

Mescolate il tutto ed il gioco è fatto. 
Conservatelo in un flaconcino spray come ho fatto io o in un dispenser pulito. 

Augurandomi di essere stata utile e sperando non serva per molto, vi abbraccio virtualmente, visto che ancora ci è permesso.      Ros

sabato 8 febbraio 2020

E siamo già a febbraio. Fra le centinaia di cose da fare ho trascurato il blog, ma non sono rimasta con le mani in mano.
Vi mostro qualcosina....


Muffin con due aiutanti speciali.



Bignè con crema pasticcera e crema al caffè.






Ed ora che siamo sotto carnevale..... crostoli e krapfen!
Quest'anno ho provato a fare i crostoli colorati. Un po' come coriandoli. Vi
piace l'effetto? I bimbi li hanno spazzolati.


E poi li ho fatti lavorare. Abbiamo creato questo fuoriporta in perfetto tema carnevalesco. 





Vorrei farvi vedere le mie orchidee. Quest'anno sono felice perché sono rifiorite: non era mai successo!



Vi auguro un buon fine settimana! 
A presto.   Ros


domenica 22 dicembre 2019

Tutto pronto per Natale?

Manca pochissimo alla grande festa. Terminate le corse ai regali, fra una febbre, un'influenza ed imprevisti vari! Non mi sembra vero. Sono riuscita anche a preparare i miei biscottini da regalare.


Biscottini di frolla, pan di zenzero, al cocco, albume e nocciole. Un po' per tutti i gusti. 
E con questo vi saluto augurandovi buone feste! Mangiate, bevete in buona compagnia e divertitevi come non mai!!!! 
Un abbraccio.     Ros

Carnevale a Venezia

Siamo arrivati a Carnevale! Un appuntamento da non perdere! Allora perchè non sbirciare cosa succede a Venezia? Eccovi un assaggio di quello che si può vedere in questi giorni. Gustatelo con calma e poi fate un pensierino per l'anno prossimo: perchè non vederlo dal vero? Un'atmosfera particolare, maschere stupende che non vedrete in altri posti......... da provare almeno una volta nella vita!