lunedì 19 marzo 2012

Pinze gemelle.

 
 
 


Ieri era una giornata nuvolosa, minacciava pioggia. Ideale per cucinare. Da anni mi ripromettevo di provare a fare la pinza in casa, ma il tempo era tiranno. Così mi sono decisa ed ho provato. Premetto che ci vuole tutta una gionata per farla ( 8 ore). Non è impossibile, ma bisogna avere tempo.
Ecco qua il risultato! E avreste dovuto sentire il profumo che girava per casa! Voglio solo dirvi che una è già sparita nelle boccucce di casa.
Per Pasqua  le rifarò.




Per chi volesse cimentarsi, questa è la ricetta:
vengono 2 pinze del diametro di cm 24. Io le ho cotte insieme sulla placca da forno, ma così si attaccano. Meglio una alla volta.
PINZA

Ingredienti complessivi:
500 gr farina Manitoba
25 gr lievito di birra ( 1 cubetto)
1 uovo intero (50 gr) + 3 tuorli (50 gr) – 100 gr in totale
125 g zucchero
100 g burro
10 gr sale
buccia grattugiata di un arancia e di un limone
1 uovo per pennellare
1° impasto
Ingredienti

175 gr
25 gr lievito

105 gr acqua
Amalgamare gli ingredienti in una ciotola. Mettere a lievitare coperto sino a che non triplica (circa 45 minuti a 27-30°C).

2° impasto
Ingredienti

1 uovo (50 g circa)
50 g zucchero
125 g farina
impasto precedente
Sbattere l’uovo con lo zucchero, unire il lievitino spezzettato e la farina setacciata.
Impastare in ciotola sino a che non è omogeneo. Formare un panetto e far lievitare coperto sino a che non triplica (circa 45 minuti a 27-30°C).


3° impasto

Ingredienti
200 g farina
3 tuorli (50 g)
75 g zucchero
25 g acqua
10 g sale
impasto precedente
scorza grattugiata di ½ limone e ½ arancia
100 gr burro morbido
Battere i tuorli con 25 g di acqua, unire, continuando a battere, lo zucchero gradualmente e il sale. Setacciare la farina e formare un impasto sodo.
Nell’impastatrice spezzare il lievitino e l’impasto appena formato, impastare a bassa velocità per circa 3 minuti sino a che non risulti un impasto ben amalgamato.
Aumentare la velocità e unire poco per volta il burro morbido a pezzetti insieme alle scorze grattugiate ( ci vorranno circa 10 minuti). Io l'ho fatto a mano perchè non mi stava nell'impastatrice.
Trasferire l’impasto sul tagliere, ed  impastare battendo con energia per 5-10 minuti. Deve risultare un impasto morbido e molto elastico.
Formare un panetto, imburrare una ciotola e mettere a lievitare al caldo (27°C) per 2 ore con una piegatura della pasta dopo 1 ora.
Delicatamente arrotolare l’impasto  in un verso e poi in un altro e formare una palla.
Coprire e lasciar risposare per 10 minuti.
Lavorare ancora una volta, quindi mettere la palla ottenuta su carta da forno e su un ripiano rigido. Coprire con una terrina e far lievitare al caldo un’ora e mezza.
Dopo un’ora dall’ultima lievitazione posizionare l'impasto nel livello inferiore del forno non ancora acceso, e accendere  il forno a 180°C.  NO forno ventilato!
Terminata la lievitazione, spennellare con l'uovo sbattuto  e incidere con tre tagli distanti 120° con le forbici, formando una Y.

Cuocere per 20 minuti a 170-180° C , poi abbassare a 140-150° C, coprire con la stagnola e continuare la cottura per circa altri 20 minuti.
Posted by Picasa

9 commenti:

  1. Non ho proprio idea di cosa sia,ma sembra buona,a paqua verrò da te ad assaggiarla!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un dolce tipico di Trieste. Sarebbe un pan brioche, per darti un'idea. Ottimo da inzuppare nel caffelatte! Lo trovi tutto l'anno, ma una volta (quando ero piccolina) lo trovavi solo a Pasqua.
      Salverò un pezzetto per te.
      Un abbraccio. Ros

      Elimina
  2. Ros mi hai messo curiosità ed eccomi qui...cavolo ma è lunghissimo il procedimento. Ci vuole proprio un giorno uggioso.
    Il risultato visivamente mette fame poi mi fido delle tue parole.
    Un abbraccione e saluta Andrea

    RispondiElimina
  3. si infatti il procedimento è come per il pan brioche......
    mi sembra di sentire il profumo.....

    RispondiElimina
  4. Ieri ho fatto un pane dolce anch'io... un po' più semplice... Metterò la ricetta, è stato un tentativo... Non ho la tua pazienza.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Buonaaaaaaa!! Adoro la pinza :D

    RispondiElimina
  6. Che belle!! Immagino che anche molto buone!!

    RispondiElimina
  7. Hanno un aspetto delizioso e mi hai fatto venire l'cquolina in bocca.

    RispondiElimina
  8. mi piace il tuo blog :) splendide ricette e ti seguo con piacere :) se ti va passa da me anche seprime armi :) ciao :) sono alle

    RispondiElimina

Carnevale a Venezia

Siamo arrivati a Carnevale! Un appuntamento da non perdere! Allora perchè non sbirciare cosa succede a Venezia? Eccovi un assaggio di quello che si può vedere in questi giorni. Gustatelo con calma e poi fate un pensierino per l'anno prossimo: perchè non vederlo dal vero? Un'atmosfera particolare, maschere stupende che non vedrete in altri posti......... da provare almeno una volta nella vita!